Francesco Caracciolo

     
 
Torna indietro
Home
Contattaci
Francesco Caracciolo,  

LINK

- FACEBOOK
- FORUM
- SITO UFFICIALE

  Informazioni link

ARTICOLI RECENTI

- La difesa dei propri valori: diritto o peccato? L'Italia e l'Europa possono delegarla?

- Immigrati e disoccupati

- Brigantaggio e banditismo nel Mezzogiorno d’Italia prima e dopo l’Unità nazionale

- Onorata società e società onorata

- Ius soli, accoglienza e convivenza

- L'integrazione dell'arcipelago migratorio in Occidente

- Integrazione - Ius soli

- Lo ius soli ovvero il diritto di chi nasce in Italia di essere cittadino italiano anche se figlio di genitori non italiani

- Lo ius soli e i progetti e i comizi della ministra Kyenge

- Legge vecchia e tempi nuovi. La Costituzione italiana e lo straniero

Contatti Francesco Caracciolo

PUBBLICAZIONI RECENTI

- Uffici, difesa e corpi rappresentativi nel Mezzogiorno in etÓ spagnola

- Sud, debiti e gabelle. Gravami potere e societÓ nel Mezzogiorno in etÓ moderna

- Il mancato decollo del Sud d'Italia

- Mezzogiorno moderno e capitalismo

- Napoli il Regno la Calabria in etÓ moderna

- La folle corsa

- La folle corsa e-book

- Canti

- Satire e poemetti su vicende, consorterie e protetti

- Cattiva Stella

- Fossa, imprenditoria e aumento della produzione nel seicento. Un caso indicativo

- L'integrazione

- Mali estremi

- Fabio

- L'integrazione dell'«arcipelago migratorio» in Occidente - seconda edizione riveduta

- Come muore una civiltà e come sta morendo la nostra - seconda edizione riveduta

- Banditismo nel Mezzogiorno d'Italia tra Rinascimento e Barocco

- Banditi, baroni viceré nel regno di Napoli in età moderna

- La congiura antispagnola di Tommaso Campanella: delatori e persecutori

- Onorata società e società onorata, (ed. integrale)

- Onorata società e società onorata (ed. ridotta)

- Come muore una civiltà e come sta morendo la nostra

 

Onorata società e società onorata

     I fatti delittuosi e i rapporti di mafiosi, ‘ndranghetisti e camorristi con gestori delle istituzioni e con affaristi sono il contenuto di libri e di scritti talora di successo. Scrivere cose del genere è divenuta una moda, uno sport prestigioso e redditizio. Prestigioso perché scritti di questo genere sono letti da molti e hanno successo. Redditizio perché da questo genere di scritti le case editrici ricavano molti proventi. E le case editrici fanno a gara per pubblicarli perché - dicono - sono scritti che si vendono, richiedono un minimo investimento e producono molto profitto.

 

     Mentre un libro che ha un contenuto di elevato valore culturale, intellettuale e sociale richiede un investimento rilevante per farlo accettare al lettore e produce un reddito limitato, forse basso. Dunque le case editrici si fanno guidare dal gusto e dalle esigenze della massa dei lettori invece di guidarla e orientarla verso l’ottimo e l’utile. Pubblicano pettegolezzi e fatterelli che rendono introiti soddisfacenti e sacrificano idee e contributi che non rendono. E fanno ciò per massimizzare il profitto che esse vogliono ricavare senza alcuno sforzo e senza alcun impegno imprenditoriale, senza investimenti di sorta, ma seguendo la via che porta in basso, sempre più in basso. In realtà molta gente ama leggere quali e quanti furono i crimini, anche se sostanzialmente sono pressoché uguali e differenti solo nei particolari. Molta gente ama leggere i nomi di mafiosi, di loro collusi, di trafficanti e di politicanti corrotti e in combutta con mafiosi. Molta gente ama tutto ciò e le case editrici l’accontentano e realizzano così il proprio lauto e ambìto profitto.

 

     Ma quale utile deriva alla società, alla civiltà, al progresso e al benessere individuale e collettivo da tutta questa febbre di diffondere i dettagli non dissimili del crimine e dei criminali?

 

     Si può dire: nessun utile.

 

     Al contrario l’utile verrebbe dalla conoscenza delle cause del crimine e della natura dei criminali. Verrebbe dalla scoperta della loro capacità di sussistere nonostante le persecuzioni e di espandersi e moltiplicarsi.

 

     Madi tutto questo neppure una parola nei libri sull’argomento. Sempre dettagli; sempre altri crimini del tutto simili, ammanniti e cucinati in tutte le salse. Eppure ci sono libri in cui sono state scoperte ed esaminate le cause e sono indicate le terapie e i mezzi ritenuti efficaci per debellare mafia e mafiosi e quanto è alle loro origini nella società civile. Ma libri del genere circostanziati e utili per la società sono e restano sconosciuti. Le case editrici li giudicano inutili perché, a loro avviso, non si vendono o si vendono poco e sono di poco profitto. Rifiutano quindi di pubblicarli. Pertanto nessuno li legge e nessuno conosce la loro esistenza. In qualche caso è stato lo stesso autore che si è preso la briga di auto pubblicare il proprio libro nel più stretto riserbo. Di esso raccomandiamo la lettura per capire che cosa è l’onorata società, quali le sue cause e quali i mezzi per debellarla fin nelle radici che sono nella società civile.

 

Roma 12/08/2013

  Francesco Caracciolo

 

E indichiamo:

 

- FRANCESCO CARACCIOLO, Onorata società e società onorata, edizione integrale

http://www.lulu.com/it/it/shop/francesco-caracciolo/onorata-societ%C3%A0-e-societ%C3%A0-onorata/paperback/product-20962304.html

- FRANCESCO CARACCIOLO, Onorata società e società onorata, edizione ridotta

http://ilmiolibro.kataweb.it/schedalibro.asp?id=716264

     
Francesco  Caracciolo  |  2013  ©  Copyright  -  All rights reserved  |  Privacy  |  Condizioni di utilizzo  |  Contatti